Mindfulness per bambini

Mindfulness per bambini

Mindfulness per bambini: come migliorare la qualità della vita quotidiana dei nostri figli, la loro autostima e personalità.

Sono sempre di più le scuole, sia in Italia e soprattutto all’estero, che inseriscono, tra i loro programmi didattici e corsi la mindfulness per bambini. Diverse ricerche scientifiche mostrano l’utilità di introdurre la mindfulness nelle scuole primarie e secondarie, per gli effetti benefici che genera sugli alunni e sul clima della classe.

Aumenta la consapevolezza del corpo, delle emozioni e dei pensieri. Favorisce l’attenzione e la concentrazione, introducendo uno spazio di ascolto e calma anche quando prevalgono l’agitazione e l’irrequietezza. Promuove inoltre empatia e collaborazione tra i compagni di classe.

Sperimentare la meditazione Mindfulness consente di uscire dalla logica del fare (orientata alla performance e al raggiungimento di obiettivi), per entrare nella dimensione del sentire, ascoltando sé stessi senza giudizio.

La mindfulness per bambini ha come obiettivo principale sviluppare la loro attenzione e memoria, suscitare la loro curiosità, migliorando la fiducia in loro stessi e le loro naturali capacità. Fare in modo che il loro senso di meraviglia non finisca mai, così come il loro interesse nel connettersi con l’esterno da un interno più rilassato, più reattivo e sicuro di sé.

Mindfulness per bambini 1La capacità di focalizzare meglio l’attenzione su determinati stimoli o situazioni migliorerà la loro concentrazione. Fondamentale in questo mondo così sovraccarico di stimoli, nel quale i bambini non sanno come destreggiarsi, come filtrare le informazioni che ricevono. La mindfulness migliora il processo cognitivo chiamato “funzione esecutiva”, cioè l’abilità di organizzare compiti, gestire il tempo, stabilire priorità e prendere decisioni.

Gli esercizi di mindfulness sono adatti a tutti quei bambini che necessitano di calmare i propri pensieri, riconoscere e gestire emozioni, migliorare la propria concentrazione autostima e conoscenza di sè, accettarsi così come sono. Molti  bambini sono estremamente insicuri e pensano di  non essere abbastanza bravi, capaci, interessanti.   Migliora le abilità scolastiche, la creatività, riescono a controllare i comportamenti impulsivi e iperattivi, a gestire la timidezza,

La mindfulness può essere insegnata ai bambini per promuovere uno sviluppo sano e armonico, per consentire alle loro potenzialità di esprimersi al meglio, per aumentare la capacità di impegnarsi attivamente nella piena realizzazione di sé, in un mondo accelerato, caotico, frenetico ed eccessivamente stressante. La consapevolezza è uno strumento straordinario per sviluppare nei bambini la capacità di promuovere la pace in se stessi e nel mondo che li circonda. Secondo il buddhismo, la consapevolezza è la fonte della felicità e della gioia.

Mindfulness per bambini 23 esercizi di mindfulness per bambini

A caccia di suoni
Rimanete in silenzio e osservate i suoni che si odono quando nessuno parla. Poi, si potrà uscire lentamente dalla stanza e esplorare i suoni di altri ambienti. Alla fine, si passa a discutere su ciò che si è udito. “Era piacevole? Spiacevole? Ti aspettavi di udire proprio quei suoni? Ce n’era qualcuno di insolito?”. Si classificano i suoni: alti, bassi, acuti, gravi, dolci e morbidi o inquinanti e fastidiosi. E infine chiede: “Ci sono suoni che provengono dall’interno del tuo corpo?”. Questo esercizio sviluppa la capacità di ascolto, grazie a un allenamento consapevole della capacità uditiva. Il silenzio permette al bambino di connettersi con se stesso, con gli altri e il mondo che lo circonda, porta quiete nel corpo e consente di compiere nuove scoperte.

Ascolto reciproco
Un esercizio divertente da fare al momento dei pasti. Ogni componente della famiglia ha a disposizione due minuti per parlare della sua giornata o per raccontare particolare, mentre gli altri lo ascoltano senza esprimere giudizi. Ascoltare con il sincero desiderio di sentire e capire ciò che l’altro sta dicendo, è qualcosa che non ha prezzo. Utilizzando tutti i 5 sensi si può allenare l’attenzione proprio come si allenano gli altri muscoli.

Prestare attenzione 
Proponete al bambino di svolgere un’attività del quotidiano dedicando tutta la sua attenzione. Salutare una persona, per esempio, rivolgendo un sorriso e dandole il tempo, se vuole, di replicare, piuttosto che fare un cenno e correre via; oppure sotto la doccia, fare attenzione alle sensazioni dell’acqua, al suo rumore, al profumo del sapone, al suo colore. Se si è in piedi alla fermata dell’autobus, osservate ciò che c’è intorno a voi. Se siete a letto, assaporate le sensazioni corporee di quando ci si distende.

Il guardiano della città
Sedetevi l’uno di fronte all’altro a terra con le gambe incrociate, in una posizione eretta della schiena e della testa, gli occhi chiusi e le mani intrecciate in grembo. Guidate l’esercizio invitando il bambino a diventare consapevole del respiro. Chiedete di notare, quando si inspira, l’aria fresca che si avverte al naso e, quando si espira, la sensazione di calore che ci dà, poi proseguite notando i pensieri. Potete dire: «Fai come un guardiano che sorveglia chi entra ed esce dalla città, e se dei pensieri compaiono all’orizzonte, considerali come se fossero delle persone che passano di là e portano una distrazione, lasciali andare ritornando al respiro». In alternativa, chiedete di contare i respiri fino a 10: soprattutto all’inizio aiuta a prendere consapevolezza della respirazione.
Questo esercizio aiuta a predisporre il bambino a uno stato di calma. Questo lo conduce alla scoperta che stare calmi e rilassati può essere un’esperienza piacevole e che la felicità può arrivare come un raggio di sole anche in un momento in pausa, senza fare nulla di speciale. Molto utile prima di iniziare la scuola o i compiti. Il respiro è qualcosa che ci accompagna in ogni istante della nostra vita: dedicargli attenzione contribuisce a rigenerare in breve tempo la mente e il corpo.

 

Sei un insegnante, un educatore e vorresti proporre il progetto “Mindfulness per bambini” nella tua scuola? Sei un genitore e vorresti far conoscere la Mindfulness a tuo figlio e ai suoi compagni? Richiedimi informazioni senza impegno a info@barbaramenegazzo.it