La respirazione nella meditazione

La respirazione nella meditazione

L’importanza di una corretta respirazione.

Il 70% dei “rifiuti” dell’organismo viene eliminato attraverso il respiro. Una corretta educazione alla respirazione ci apre un intero universo di possibilità. Il nostro respiro è lo strumento più potente del quale disponiamo, in grado persino di cambiare il nostro stato d’animo, il nostro umore.
Possiamo, migliorando la respirazione, cambiare la nostra vita. Gli stati d’animo, i sentimenti e gli schemi mentali si trasformano. La forza e l’energia interiore cresceranno, permettendoci di superare i confini che ci siamo posti.
Forse non sai che, praticando la respirazione addominale profonda quotidianamente, possiamo armonizzare l’intero organismo. Infatti, la respirazione addominale, permette un sonno migliore e profondo, riduce lo sforzo cardiaco, rafforza i polmoni e l’apparato escretore.

Prima di svolgere gli esercizi di respirazione è importante conoscere la regola base: respirare sempre con il naso. E’ sbagliato infatti inspirare dalla bocca, in quanto introduciamo aria fredda e secca in gola, senza essere umidificata, riscaldata e purificata come quando si respira dal naso. Anche l’espirazione dovrebbe essere eseguita attraverso il naso. Espirare dalla bocca è utile per scaricare la tensione: fare un bel respiro profondo, espirando dalla bocca, in momenti di ansia può aiutare a ristabilire gli equilibri.

Inoltre,  osservando il modo in cui respiriamo, possiamo capire molto del nostro stato fisico ed emotivo.
Ad esempio quando pratichiamo sport, la respirazione è poco profonda e molto veloce.
Al contrario mentre dormiamo o appena ci svegliamo il nostro respiro è lento, calmo e regolare.
Inoltre la respirazione è legata non solo al nostro stato fisico ma anche al nostro stato psicologico ed emozionale: una persona che si trova in una situazione di stress molto intenso o di ansia tende ad avere una respirazione superficiale, di petto, poco profonda.
Non è un caso che spesso le persone che soffrono di ansia e stress hanno il diaframma bloccato.

Le tecniche di meditazione, compresa la Mindfulness, e di rilassamento come gli esercizi di Sofrologia, partono sempre dalla respirazione. La respirazione durante la meditazione viene utilizzata per calmare la mente e sviluppare pace interiore. Si può utilizzare questo respiro meditativo da solo o come pratica preliminare per ridurre le distrazioni prima di cominciare una sessione di meditazione.

Imparando a modificare il nostro respiro possiamo modificare il nostro stato emotivo e diminuire (o anche eliminare) il nostro livello di stress e tensione.
Ed allora, alleniamoci con la respirazione corretta.

Uno degli esercizi di respirazione nella meditazione che propongo durante i miei corsi:

  • Seduto, con gli occhi chiusi, si inspira ed espira sempre con il naso.
  • Per almeno 5 minuti concentrati solo su inspirazione ed espirazione.
  • Inspira ed espira regolarmente, con il tuo ritmo, senza controllare il respiro.
  • Impara a prestare attenzione al tuo respiro, ad ascoltarlo
  • Non appena altri pensieri fanno capolino dall’esterno, guardali da lontano (oppure immagina di caricarli sulle nuvole che pian piano se ne vanno) riportando di nuovo la concentrazione sul respiro.
  • Continua ad inspirare ed espirare per qualche respiro ancora

Questo di respirazione ti  aiuterà non solo a ritrovare la concentrazione, ma anche a migliorare l’apprendimento e la memorizzazione.

Respirazione a narici alternate 

  • Seduto o seduta, occhi aperti,  pollice ed indice della mano destra allungati,
  • col polpastrello del pollice chiudi la narice destra ed inspira dalla narice sinistra
  • con l’indice chiudi la narice sinistra ed espira dalla narice destra ora libera
  • di nuovo tappa la narice destra col pollice, e inspira con la narice sinistra;
  • il passaggio deve avvenire in modo fluido
  • tappa la narice sinistra con l’indice ed espira dalla destra.
  • ti basterà tenere a mente di cambiare narice ogni volta che espiri e solo quando espiri.
  • Continua per 9 respirazioni complete e concludi con un’espirazione dalla narice destra, per tornare a respirare normalmente.

 

Barbara Menegazzo, Istruttore Mindfulness, Mindful Eating e Sofrologo certificato IPHM 

Post Correlati